LA CORRENTE ELETTRICA

You are viewing the theme
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La corrente elettrica è un qualsiasi moto ordinato di cariche elettriche, definito operativamente come la quantità di carica elettrica che attraversa una determinata superficie nell’unità di tempo.[1]
La corrente convenzionale è definita come il flusso di carica positiva, sebbene nella maggior parte dei casi si ha a che fare con cariche negative in conduttori solidi, quali i metalli. All’interno di essi la corrente elettrica è realizzata attraverso un moto ordinato di elettroni all’interno del conduttore elettrico, mentre in altri casi si verifica un effettivo spostamento di carica positiva, quali ad esempio ioni positivi di soluzioni elettrolitiche. Tale convenzione si deve a Benjamin Franklin.
L’intensità di corrente elettrica, indicata usualmente col simbolo I, è assunta come grandezza fondamentale nel sistema internazionale SI. La sua unità di misura è l’ampere (A), e da essa si ricava l’unità di misura di carica elettrica, il coulomb, che corrisponde alla carica elettrica trasportata da una corrente di un ampere nell’unità di tempo (1C = 1A x 1s).
La corrente elettrica costituisce una grandezza fisica di fondamentale importanza nella tecnologia legata all’elettronica e ha un grande numero di applicazioni, ad esempio nel trasporto di informazioni o di energia. Quando la corrente è utilizzata per l’alimentazione dei dispositivi elettrici viene utilizzata in due possibili modalità: la corrente continua, che presenta intensità sempre costante nel tempo e ha un unico verso di percorrenza, e la corrente alternata, che ha intensità periodicamente variabile nel tempo e non ha un unico verso di percorrenza.