UNA SOLUZIONE ALTERNATIVA AL PROBLEMA DELLA RICOSTRUZIONE OLOGRAFICA DELLA SUPERFICIE DELLE ANTENNE A RIFLETTORE DA DATI IN FAR-FIELD O IN NEAR-FIELD

You are viewing the theme
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Le grandi antenne a riflettore rappresentano il principale strumento di ricezione  della radiazione elettromagnetica che le sorgenti artificiali, come le sonde  interplanetarie, o le sorgenti naturali, come pianeti, stelle e galassie, emettono nell’intervallo di frequenze compreso tra le microonde e le onde submillimetriche. Nelle comunicazioni tra le sonde e le basi terrestri, e soprattutto in radio astronomia, per captare i deboli segnali provenienti dal sistema solare o dallo spazio profondo, è necessario disporre di un’antenna con elevato guadagno e, quindi, con un fascio molto sottile che permetta di distinguere, in una piccola finestra angolare in cielo, il segnale di una sorgente di interesse dal rumore  generato da sorgenti vicine.