ORBIFOLD ASIMMETRICI E CORRISPONDENZE ALGEBRICHE NELLE SUPERSTRINGHE DI TIPO II

You are viewing the theme
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

L'intero lavoro si sviluppa essenzialmente a partire dall'idea di stabilire un ponte tra l'approccio macroscopico della supergravità e quello microscopico delle stringhe, confrontando l'insieme di informazioni indistinte che la teoria dei gruppi fornisce a livello massless con quello settore-dipendente che, invece, viene fuori dall'analisi dello spettro di superstringa. Il fine principale è quello di capire bene e fissare una volta per tutte le regole di questa corrispondenza per gli stati di massa nulla, con l'ottica di estendere in futuro la tecnologia algebrica ormai acquisita anche ai settori massivi della stringa. In particolare, l'attenzione viene focalizzata sul caso più semplice di supergravità; con supersimmetria non massimale, N=6, D=4, che, sebbene assai rigido nelle sue strutture geometriche, ha il grosso pregio di non coinvolgere supermultipletti di materia, e senz'altro rappresenta un background significativo su cui impiantare il confronto. Inoltre, è discussa la superstringa di tipo II, che tratta allo stesso modo i left e i right mover, e la radice profonda del suo legame con il contesto macroscopico è individuata nelle trasformazioni di dualità tra i vari modelli di stringa, che, come è noto, costituiscono l'opportuna restrizione ad interi del gruppo di isometrie del manifold degli scalari contenuti nella teoria efficace di bassa energia associata (supergravità).