DIMENSIONAMENTO OTTIMALE DEL SISTEMA DI INIEZIONE A TUNNEL PER INIETTOFUSIONE DI MATERIE PLASTICHE

You are viewing the theme
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

SOMMARIO La presente tesi affronta le metodologie di progettazione di stampi per iniezione di materie plastiche considerando tutti i problemi ad essa legati. Lo studio è stato svolto presso la M.P.T.s.r.l di Calcinaia, lavorando a stretto contatto ed in totale sinergia con progettisti e tecnici . Durante lo svolgimento di tale elaborato si è ricorso all’utilizzo del software Moldflow per risolvere il problema del dimensionamento ottimale dei canali di iniezione. Questa parte sperimentale dello studio è stata caratterizzata da una prima fase di apprendimento dei complessi fenomeni fisici dell’intero ciclo di stampaggio e di conoscenza delle diverse tipologie di iniezione utilizzate che vengono passate in rassegna nei primi capitoli dell’elaborato. Le simulazioni hanno fornito dei risultati che successivamente sono stati sottoposti ad un confronto con le esperienze precedentemente fatte in M.P.T. e quindi validati da queste. Dal listato dei risultati è stata poi estrapolata una preziosa tabella utile nella fase di progettazione. Nell’ultima parte dell’elaborato è stato invece affrontato il problema dello stampaggio assistito dal gas, che, come la maggior parte delle moderne tecnologie, è solo apparentemente semplice. Facendo degli studi e delle prove sistematiche si è comunque riusciti ad isolare delle preziose regole di validità generale, da seguire durante la fase di progettazione. Sia i risultati ottenuti nell’ambito dello stampaggio assistito dal gas che quelli ottenuti tramite le simulazioni software sono stati inseriti in un manuale di progettazione stampi che racchiude tutte le conoscenze che l’azienda ha acquisito nel corso dei suoi anni di attività, esso è stato concepito per essere utilizzabile tanto dai progettisti quanto dai tecnici direttamente in officina rendendo più sistematica la fase di progettazione, fornendo regole generali ma allo stesso tempo accurate al fine di evitare i classici tentativi di ‘prova e correggi’ che contraddistinguono questa fase.