PROGETTO DI UN PROPULSORE AD EFFETTO HALL DA 1.7 KW

You are viewing the theme
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La propulsione ad effetto Hall, nell’ultimo decennio, ha assunto importanza nelle applicazioni spaziali. Questo è dovuto sia al lavoro svolto nell’ex Unione Sovietica, Sati Uniti e,ultimamente, in Europa, sia alla disponibilità di maggiori potenze abbordo dei satelliti.Il presente lavoro ha riguardato la progettazione di un propulsore ad effetto Hall di potenza compresa tra 1.5 kW e 2 kW.Tale lavoro è iniziato con la raccolta dei parametri operativi provenienti dal funzionamento di diversi propulsori. Con tali dati sono state determinate delle opportune formule di scalatura dalle quali sono state ottenute le prestazioni ed un primo dimensionamento del propulsore. Infatti dall’analisi dei risultati viene scelta la potenza di 1.7 kW, e le rispettive prestazioni e dimensioni iniziali per un tale propulsore.Successivamente, con tali dimensioni, è stato realizzato un modello iniziale del circuito magnetico del propulsore il quale, mediante una serie di simulazioni magnetiche, è modificato in modo da ottenere il campo magnetico necessario al corretto funzionamento del propulsore. A questo punto, con il circuito magnetico finale, si procede al dimensionamento del sistema d’alimentazione e della camera d’accelerazione arrivando cosi alla configurazione finale del propulsore. Successivamente viene effettuata un’analisi termica del propulsore. Con tale analisi si vuole verificare che le temperature si mantengano entro i limiti stabiliti dai materiali.